Il saggio indaga le fonti di ispirazione della Lunga notte di Medea di Corrado Alvaro, il suo inserirsi nelle temperie culturale della prima metà del Novecento, i suoi agganci con il resto della produzione non solo letteraria ma anche giornalistica di Alvaro, a partire da Gente in Aspromonte e dagli articoli sul tema della “Folla” apparsi sul Mondo di Giovanni Amendola. Particolare attenzione viene dedicata alla collaborazione con Giorgio De Chirico, scenografo e costumista per la prima rappresentazione del testo.

Alvaro, De Chirico e Medea nella Calabria metafisica

Ieranò, Giorgio
2010-01-01

Abstract

Il saggio indaga le fonti di ispirazione della Lunga notte di Medea di Corrado Alvaro, il suo inserirsi nelle temperie culturale della prima metà del Novecento, i suoi agganci con il resto della produzione non solo letteraria ma anche giornalistica di Alvaro, a partire da Gente in Aspromonte e dagli articoli sul tema della “Folla” apparsi sul Mondo di Giovanni Amendola. Particolare attenzione viene dedicata alla collaborazione con Giorgio De Chirico, scenografo e costumista per la prima rappresentazione del testo.
Gli antichi dei moderni: dodici letture da Leopardi a Zanzotto
Verona
Fiorini
9788896419106
Ieranò, Giorgio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/81743
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact