Alvaro, De Chirico e Medea nella Calabria metafisica