La Valle di Cembra tra marginalità e recupero