Sarpi, Quevedo e la pubblicistica sulla guerra degli Uscocchi