"Quel depravato che ha trascinato nel fango il matrimonio e la famiglia": Ibsen, Wedekind e il teatro epico