Sulla ripetibilità delle prove a risultato vettoriale: il caso della prova Proctor