Lo spazio del tiro a segno: sulla poesia di Nico Naldini