Le proscrizioni triumvirali fra retorica e storiografia