L’ordinamento britannico tra identità e diritti differenziati. Prime considerazioni