Antonio Rosmini tra modernità e universalità