Gertrude Stein e la (in)rappresentabilità autobiografica