Ferdinand Ebner: la "nostalgia" della parola