Flessibilità, conciliazione e trappole di genere