Ernesta Bittanti e le leggi razziali del 1938