I luoghi “trasversali” del Servizio Sociale tra flessibilità, condivisione e progettazione creativa