Una lettera di raccomandazione per Matteo Raverti