Quevedo e il cannocchiale di Borges