Sulle tracce di una metodologia sociale appresa collettivamente