Tra Classico e Romantico: l'estesiologia come scienza di forme simboliche