L'autobiografia “tedesca” di Erich Loest contro un “collettivo di autori” chiamato STASI