Dopo il Quarantacinque: realismo e utopie