Ontologie per la rappresentazione della conoscenza: la nuova frontiera?