Arte pubblica tra effimero e necessario