Verso una legislazione internazionale uniforme?