La diligentia quam in suis come criterio di responsabilità del fiduciario