Le Nazioni unite, la comunità internazionale e tre domande sulla prevenzione del genocidio