Alcuni riflessioni sui limiti della c.d. giustizia automatica: l’esempio del decreto penale di condanna