Punto di partenza è l’analisi dell’art. 9 del Codice dei beni culturali e del paesaggio che nel 2004 ha riordinato la materia e il confronto tra la nozione di beni culturali di interesse religioso e tra questa e la nozione di beni culturali ecclesiastici. Si affronta l’individuazione dei soggetti che sono stati indicati come responsabili dell’attuazione del principio di collaborazione tra Stato e confessioni religiose in materia di beni culturali nonché l’esame delle modalità di azione nei rapporti tra Stato e Chiesa cattolica e tra Stato e le altre confessioni religiose. L’art. 9 del Codice estende infatti il rispetto dell’impegno alla collaborazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali anche alle confessioni religiose che abbiano stipulato Intese con lo Stato e, limitatamente al rispetto delle esigenze del culto, a tutte le confessioni. Si analizza inoltre la problematica della ripartizione delle competenze tra Stato e regioni in materia di beni culturali in genere ed in particolare di quelli di interesse religioso.

I beni culturali di interesse religioso

Camassa, Erminia
2006-01-01

Abstract

Punto di partenza è l’analisi dell’art. 9 del Codice dei beni culturali e del paesaggio che nel 2004 ha riordinato la materia e il confronto tra la nozione di beni culturali di interesse religioso e tra questa e la nozione di beni culturali ecclesiastici. Si affronta l’individuazione dei soggetti che sono stati indicati come responsabili dell’attuazione del principio di collaborazione tra Stato e confessioni religiose in materia di beni culturali nonché l’esame delle modalità di azione nei rapporti tra Stato e Chiesa cattolica e tra Stato e le altre confessioni religiose. L’art. 9 del Codice estende infatti il rispetto dell’impegno alla collaborazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali anche alle confessioni religiose che abbiano stipulato Intese con lo Stato e, limitatamente al rispetto delle esigenze del culto, a tutte le confessioni. Si analizza inoltre la problematica della ripartizione delle competenze tra Stato e regioni in materia di beni culturali in genere ed in particolare di quelli di interesse religioso.
Il codice dei beni culturali e del paesaggio tra teoria e prassi
Milano
Giuffrè
8814131899
Camassa, Erminia
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/62621
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact