La morte, un nuovo tabù per la cultura contemporanea