Passaggi obbligati: la differenza (auto)biografica come politica co(n)testuale