Laudatio pronunciata in occasione del conferimento della laurea honoris causa in Giurisprudenza a Reinhard Elze