La struttura dei rapporti di canale: il caso dei prodotti non alimentari