Il sapiente stoico fra moralità radicale e saggezza della moderazione