Una lettera di Giovanni Morelli tra le carte di Rodolfo Vantini