Il docmio ‘lungo’ strofico in Sofocle