La concezione ingenua dell'equilibrio