Gaie e tristi avventure di alpini, muli e vino nel racconto di Paolo Monelli