Dalla fabbrica alla macchina corporea fra Cinque e Seicento