Camillo Paderni, la tradizione antiquaria romana e i collezionisti inglesi