Dall'ipocondria alla tragedia: 'Schnock' di Friedrich Hebbel