Vero e falso nelle carte processuali: la parola 'data' e la parola 'presa'