I domini collettivi come patrimonio culturale