Lo Stato moderno, III: Accentramento e rivolte