Immaginatevi il diavolo del teatro: meglio di così, Bang non può descriverlo