Quando i ricercatori si muovono in gruppo: armonie e dissonanze sul piano dell’estetica