Il silenzio infedele: la morte come 'esperienza di prossimità' in Paul Ludwig Landsberg