Il confessore e l'inquisitore. A proposito di un manoscritto bolognese del Seicento