Giorgio Prodi e l'avventura del pensare poliedrico