La solitudine dell'emigrante in un racconto di Carmine Abate