Libri e 'librarie' nel mondo cistercense: un esempio di 'concordia discors'?