Linguaggio e visione: il caso delle preposizioni